Trasferimento degli embrioni

Il trasferimento degli embrioni in utero viene effettuato 2, 3 o 5 giorni dopo la fecondazione degli ovociti. Si tratta di una procedura semplice e completamente indolore della durata di qualche minuto. La procedura di base è essenzialmente la stessa, qualunque sia il medico che la esegue.
Possono esistere comunque alcuni differenti accorgimenti che il medico sceglie di mettere in pratica per migliorare le condizioni e la qualità del trasferimento.
A questo proposito riteniamo utile l’esecuzione del trasferimento a vescica piena suggerendo alla paziente di bere 4-5 bicchieri d’acqua circa 1 ora prima della procedura. Ciò consentirà all’utero (soprattutto nel caso di utero antiverso) di assumere una posizione tale da rendere il trasferimento più agevole grazie a un atraumatico passaggio del catetere attraverso il canale cervicale uterino.

In tal modo, inoltre, la procedura potrà essere eseguita sotto guida ecografica addominale, per un posizionamento più sicuro degli embrioni in cavità uterina e un più attivo coinvolgimento della paziente che potrà osservare l’emozionante istante del rilascio delle cellule fecondate all’interno dell’utero.

Le fasi di questa procedura sono:

  • Inserimento dello speculum
  • Detersione dei genitali interni
  • Caricamento degli embrioni all’interno del catetere (procedura di laboratorio)
  • Introduzione del catetere attraverso il canale cervicale fino alla cavità uterina
  • Rilascio degli embrioni
  • Rimozione del catetere
  • Verifica del catetere (procedura di laboratorio)
  • Rimozione dello speculum

Il riposo in posizione distesa al termine del trasferimento si limita alla durata di circa trenta minuti.
Successivamente (anche il giorno stesso), la paziente potrà fare ritorno a casa con i comuni mezzi di trasporto (auto, treno, aereo, nave) e riprendere una vita regolare senza una precisa necessità di permanenza a letto (il conseguimento della gravidanza non è direttamente correlato alla durata della permanenza a letto).

Raccomandiamo l’astensione dai rapporti sessuali e dall’attività sportiva fino al giorno del test di gravidanza, da effettuare quattordici giorni dopo il trasferimento mediante prelievo ematico e dosaggio BETA HCG.

Chiamaci subito al numero 800-761999

Per prenotare la tua visita o Compila il form per avere informazioni!

Ultime Dal Blog

Età fertile donne: fino a quando è possibile procreare?News
13 Ottobre 2021

Età fertile donne: fino a quando è possibile procreare?

Fino a quando è possibile procreare? Quando termina di preciso l’età fertile delle donne? Per motivi socio-economici le coppie tendono ad avere bambini sempre più…
1. Fecondazione assistita età massimaNews
6 Ottobre 2021

Fecondazione assistita età massima

La ricerca di un figlio rispetto al passato avviene più avanti negli anni perché spesso ci sono delle difficoltà oggettive ad avviare una carriera lavorativa…
Fase luteale: cos’è, quanto dura, che funzione ha per la procreazioneNews
29 Settembre 2021

Fase luteale: cos’è, quanto dura, che funzione ha per la procreazione

Cos'è la fase luteale? Come incide sulla possibilità di avere un bambino e perché? Conoscere bene il proprio corpo e nello specifico l'apparato riproduttivo può…

Contattaci Per Maggiori Informazioni

    RAPRUI

    Via Timavo, 2 – 00195 Roma

    Numero verde: 800-761999
    Tel.: 06 37.50.10.45
    Fax: 06 37.35.23.14

    info@raprui.com
    daysurgery@raprui.com

    Orari

    Lun – Ven 8.30 | 17.00
    Sab 8.30 | 12.30

    Data Protection Officer

    Avv. Elena Maggio
    dpo.elenamaggio@raprui.com