Induzione e monitoraggio ovulazione

Per induzione dell’ovulazione, anche detta “stimolazione ovarica”, si intende il trattamento farmacologico grazie al quale è possibile ottenere la maturazione contemporanea di più follicoli in modo da avere a disposizione più ovociti idonei a essere fecondati.
La somministrazione di questi farmaci segue differenti schemi o protocolli che vengono assegnati dal medico a ciascuna paziente in base alla storia clinica e al trattamento necessario (rapporti mirati, inseminazione intrauterina, FIVET, ICSI).

I farmaci di prevalente impiego contengono come principio attivo Citrato di Clomifene e/o FSH (abbinato o meno a LH) da assumere a partire dal secondo o terzo giorno di ciclo mestruale.
L’impiego di tali farmaci può richiedere la contemporanea somministrazione di una speciale classe di farmaci detti GnRH agonisti e GNRH antagonisti utili per inibire il rilascio ipofisario delle gonadotropine (ormoni fisiologicamente deputati alla regolazione della attività ovarica), in modo da esercitare sull’ovulazione uno stretto controllo.
La scelta del farmaco, del dosaggio e del protocollo deve essere valutata caso per caso, in relazione all’età della paziente, alle sue caratteristiche ovulatorie e ai tentativi precedenti.

Monitoraggio dell’ovulazione

L’ovulazione, spontanea o indotta, viene monitorata con ecografie e dosaggi ormonali (estradiolo, progesterone, LH) da effettuarsi in giorni prestabiliti in base alle indicazioni dello specialista.
Durante questa fase il funzionamento dell’ovaio può essere giudicato insufficiente (ciclo anovulatorio, mancata risposta alla terapia assegnata) o eccessivo (eccessiva risposta alla terapia assegnata – vedi Sindrome da Iperstimolazione). Tale evenienza comporta la necessità di abbandonare il programma in corso (rapporti mirati,inseminazione intrauterina, FIVET, ICSI….) e rinviare il trattamento a un nuovo ciclo.

foto 2: Un follicolo visualizzato al monitoraggio ecografico
foto 3: Tre follicoli visualizzati al monitoraggio ecografico
foto 4: Sei follicoli visualizzati al monitoraggio ecografico

NB: Va sottolineato che in questa fase si visualizzano ecograficamente “follicoli” e non “ovociti” (come equivocato da alcuni pazienti). Il numero di tali follicoli potrebbe non coincidere con quello degli ovociti prodotti/recuperati (es.10 follicoli visualizzati possono corrispondere a 7 ovociti recuperati).

Chiamaci subito al numero 800-761999

Per prenotare la tua visita o Compila il form per avere informazioni!

Ultime Dal Blog

Età fertile donne: fino a quando è possibile procreare?News
13 Ottobre 2021

Età fertile donne: fino a quando è possibile procreare?

Fino a quando è possibile procreare? Quando termina di preciso l’età fertile delle donne? Per motivi socio-economici le coppie tendono ad avere bambini sempre più…
1. Fecondazione assistita età massimaNews
6 Ottobre 2021

Fecondazione assistita età massima

La ricerca di un figlio rispetto al passato avviene più avanti negli anni perché spesso ci sono delle difficoltà oggettive ad avviare una carriera lavorativa…
Fase luteale: cos’è, quanto dura, che funzione ha per la procreazioneNews
29 Settembre 2021

Fase luteale: cos’è, quanto dura, che funzione ha per la procreazione

Cos'è la fase luteale? Come incide sulla possibilità di avere un bambino e perché? Conoscere bene il proprio corpo e nello specifico l'apparato riproduttivo può…

Contattaci Per Maggiori Informazioni

    RAPRUI

    Via Timavo, 2 – 00195 Roma

    Numero verde: 800-761999
    Tel.: 06 37.50.10.45
    Fax: 06 37.35.23.14

    info@raprui.com
    daysurgery@raprui.com

    Orari

    Lun – Ven 8.30 | 17.00
    Sab 8.30 | 12.30

    Data Protection Officer

    Avv. Elena Maggio
    dpo.elenamaggio@raprui.com